Omaggio a Pompei e ai suoi abitanti: a Modena le fotografie di Kenro Izu

31.05.2020
Omaggio a Pompei e ai suoi abitanti: a Modena le fotografie di Kenro Izu - Похоронный портал

Omaggio a Pompei e ai suoi abitanti: a Modena le fotografie di Kenro Izu


Kenro Izu, Casa di Apollo, Pompei, 2016 

Arte-fatti, mostre e inaugurazioni a Bologna e dintorni

di PAOLA NALDI


MODENA - Per cultura e abitudine siamo propensi a definire una catastrofe in rapporto all’essere umano, tralasciando le grandi sofferenze della natura e della terra, spostando l’attenzione solo su di noi, come esseri che governano il mondo. Ma con gli occhi pieni di orrore, travolti dall’irreparabile, anche dopo questa pandemia, siamo sollecitati a pensare in maniera diversa alla responsabilità delle nostre azioni e soprattutto alle conseguenze che ne possono derivare. Riaperta da sabato 30 maggio, dopo il lockdown per l’emergenza sanitaria Covid 19, la personale del fotografo giapponese Kenro Izu ci sollecita in questa riflessione. Il titolo, “Requiem for Pompei”, ci introduce il tema che ricorre nei 55 scatti in bianco e nero, inediti, donati dall’artista alla Fondazione Modena Arti Visive.

È l’antica cittadina distrutta dalla furia del Vesuvio nel 79 d.C. che riemerge silente e struggente. Ma il fotografo aggiunge alle belle ville, tra i mosaici e le colonne, un elemento in più: è la forma dell’uomo, contratta in calchi che riproducono esattamente le vittime dell’eruzione, in pose fetali, rannicchiate, a volte abbracciati. Sono un falso perché sono riproduzioni, e sono un falso perché sono collocate dall’artista in quegli ambienti che, in questo modo, da “paesaggi urbani” diventano palcoscenici e scenografie. Ma l’artificio è superato dal messaggio e dalla volontà di spostare la nostra percezione e la nostra attenzione.

"Requiem for Pompei", a Modena le fotografie struggenti di Kenro Izu.  Navigazione per la galleria fotografica  https://bologna.repubblica.it/cronaca/2020/05/29/news/arte-fatti-257917944/#gallery-slider=257834244


È come se Kenro Izu ci dicesse di non distrarci dalle bellezze artistiche ma di ripensare che Pompei era prima di tutto un paese con i suoi abitanti. Spazzati via e inceneriti. Così come accadde in Giappone quando nel 1945 vennero sganciate le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki. Kenro Izu è nato a Osaka solo qualche anno dopo, nel 1949, quando il ricordo di quelle distruzioni era più che mai vivo.
Il fulcro delle foto è quindi il “memento mori” - l’omaggio ai caduti - per ritrovare la spiritualità tutta laica dell’uomo. Non si ha colpa dell’eruzione di un vulcano ma si è responsabili quando ci si dimentica della sacralità del mondo.

Un dettaglio. Quando è stata inaugurata, la mostra presentava accanto agli scatti alcuni dei calchi utilizzati da Kenro Izu, arrivati a Modena grazie alla collaborazione del Parco archeologico di Pompei. Ora quei preziosi “reperti” sono stati restituiti al Parco ma ne rimane traccia nelle fotografie. Apertura ogni fine settimana fino al 28 giugno. Ingresso libero ma limitato a 10 persone alla volta.

Foto https://bologna.repubblica.it/cronaca/2020/05/29/news/arte-fatti-257917944/#gallery-slider=257834244



                                                                                                   


Делясь ссылкой на статьи и новости Похоронного Портала в соц. сетях, вы помогаете другим узнать нечто новое.
18+

Яндекс.Метрика